L’istruzione religiosa nelle scuole dell’unione europea: un’ identità plurale e in evoluzione

Flavio Pajer

Resumo


L’insegnamento scolastico della religione nell’Unione Europea obbedisce a una vastíssima gamma di contesti diversi: diversità di sistemi educativi, di rapporti tra Stato e Chiese, di storie religiose nazionali. La legittimazione dei corsi dipende a volte dalla Costituzione, a volte da concordati, a volte dalle Chiese in collaborazione con lo Stato. Nell’ultimo ventennio è stato rilevante anche il “magistero laico” degli organismi europei, che insistono sul ruolo civico, etico dell’istruzione religiosa, ai fini di una educazione alla convivenza pacifica nella diversità crescente delle fedi religiose e delle convinzioni non religiose. Al di là delle differenze confessionali, coesistono diversi modelli didattici di istruzione religiosa: istruzione nella fede, a partire dalla religione, sulla religione, al di fuori della religione. La Pedagogia e la Didattica delle religioni sono oggetto di continua ricerca e sperimentazione nella facoltà teologiche e negli Istituti superiori di Scienze della religione e della formazione.


Palavras-chave


Istruzione religiosa; Libertà religiosa; Pluralismo; Politiche educative; Unione europea

Texto completo:

PDF

Referências


AMNESTY INTERNATIONAL (Ed.). Droit et religions dans les Etats membres de l’Union européenne, Document public 2007. Diffusé par internet: . Acesso em: 25 ottobre 2009.

COUNCIL OF EUROPE. Education that takes account of religion: How can this contribute to democratic citizenship? Strasbourg: Pro manuscripto, 2005.

FERRARI, S. et al. (Ed.). Diritto e religione nell’Europa post-comunista, Rapporto sui 17 paesi del centro-est europeo. Bologna: Il Mulino, 2004.

FERRARI, S.; IBÁN, I. Diritto e religione in Europa occidentale. Bologna: Il Mulino, 1997.

FOSSION, A. Cours de religion en question. Débat politique et enjeu démocratique. Lumen Vitae, v. 10, n. 2, p. 125-137, 2001.

GENRE, E.; PAJER, F. L’Unione europea e la sfida delle religioni. Torino: Claudiana, 2005.

KAUL-SEIDMAN, L.; NIELSEN, J. S.; VINZENT, M. European identity and cultural pluralism: Judaism, Christianity and Islam in European curricula. Homburg: Fondacion Herbert-Quandt, 2003.

PAJER, F. La formazione degli insegnanti di religione nell’Unione Europea. Diálogo Educacional, v. 5, n. 16, p. 167-183, 2005.

PAJER, F. Le Forum Européen de l’enseignement religieux 1984-2004. Vingt ans de cheminement. Vers où? Lumen Vitae, v. 2, p. 231-239, 2005.

PLASSERAUD, Y. (Ed.). Atlas des minorités en Europe: de l’Atlantique à l’Oural, diversité culturelle. Paris: Autrement, 2005.

OSEWSKA, E. L’educazione oggi in una Europa diversificada. In: PAJER, F. (Ed.). Europa, scuola, religione: monoteismi e confessioni cristiane per una nuova cittadinanza europea. Torino: Società Editrice Internazionale, 2005.

RÉMOND, R. La secolarizzazione: religione e società nell’Europa contemporanea. Roma-Bari: Laterza, 1999.

ROBBERS, G. (Ed.). Stato e Chiesa nell’Unione Europea. Milano: Giuffré, 1996.

ROSSI, P. L’identità dell’Europa. Bologna: Editrice Il Mulino, 2007.

SUTTER, J. Per una sociologia delle religioni nell’Europa occidentale. In:

ANDERSON, P. et al. A cura. Storia d’Europa: L’Europa oggi, Torino: Einaudi, 1993.

VENTURA, M. La laicità dell’Unione Europea. Diritti, mercato, religione.

Torino: Giappichelli, 2001.

VERHACK, E. Consiglio delle Conferenze episcopali europee, L’insegnamento della religione risorsa per l’Europa: a cura del Servizio nazionale per l’IRC della Conferenza episcopale italiana. Leumann: Elledici, 2007.

WILLAIME, J. Europe et religions: les enjeux du XXIème siècle. Paris: Fayard,2004.

WILLAIME, J. La laicità in Europa. Il Mulino, v. 58, n. 5, p. 763-772, 2009.




DOI: http://dx.doi.org/10.7213/pp.v2i2.15338

Apontamentos

  • Não há apontamentos.




Direitos autorais 2017 Editora Universitária Champagnat

Licença Creative Commons
Esta obra está licenciada sob uma licença Creative Commons Atribuição 4.0 Internacional.